Piccolo pensiero eretico: madri e figli(e)


Alba de Cespedes in Quaderno proibito, a un certo punto si mette a scrivere alcuni pensieri ,cose, diari e ci prende gusto, si sente rinascere ma dove metterlo,dove nasconderlo sto pensiero nuovo che scorga da lei?Lei madre, senza più nome, come lei ci dice, ma solo mamma , non ha uno spazio suo,un posto segreto, lei è mamma al servizio e nella funzione di mamma, è aperta a tutti, non ha pensieri ma solo riflessi dei pensieri altrui. Le rimane un unico nascondiglio:il cesto della biancheria.

Il cesto della biancheria è la stanza tutta per sé della donna senza nome, la mamma.

Anticaglie? No, non sono anticaglie, sono il presente.

Licia Maglietta fugge in Pane e Tulipani perdendosi sull’autostrada per lacerare con forza il proprio ruolo di mamma, per avere diritto al proprio nome.

In ambedue i casi di queste mamme che hanno deciso di avere un pensiero eretico, proibito , i peggiori nemici saranno i figli.

Diciamolo, sono loro i più conservatori, coloro che portano avanti ,poverini, questo maledetto valore italiano della mamma senza nome .

Le mamme d’altronde così li hanno cresciuti: per loro tutto, tutti i pensieri, tutte le attenzioni,loro i perfetti, loro i conoscitori della verità. E mentre loro crescono, si fanno adulti, la mamma si prosciuga , diventa anziana, perde sempre pù diritti in un mondo poi quello italiano, dove gli anziani sono dei fantasmi senza diritti. Sono solo al servizio, non debbono avere pensieri, voglie, desideri ,pensarsi diversamente così come proprio l’adattamento ad ogni età della vita, richiederebbe .

Il pensiero comune dice: la genitrice deve avere un cuore colmo d’amore e l’amore della genitrice italiana si esprime in un solo modo, con il perenne sacrificio di sé.

Si può permettere una madre di avere diritto a una propria vita, non intendo quella di avere un nuovo compagno perchè su questo punto ormai la laicità consente abbastanza, ma piuttosto una vita nuova, nel senso che a un certo punto una donna si accorge di essere rimasta in scacco nella propria esistenza e decide di posizionarsi in modo diverso. Si può? 

Può comunicare questa cosa in famiglia? Può dire ,io da questo momento farò così e colì perchè ho bisogno di riprendermi la vita e non sentirmi una senza nome?Può dirlo ai figli?E quanto dolore e sofferenza e lacerazione produce una scelta del genere?

Quante volte si dovrà sentire dire, mi dici così, vuoi fare questa scelta per ricattarmi!

E niente vale insistere che invece si vuole fare una scelta, una piccola miserabile scelta di dignità per vivere meglio e la mamma è convinta perfino che tutti vivranno meglio perchè le relazioni d’amore dovrebbero essere libere relazioni in cui si guarda con amore al cambiamento dell’altro.

Niente, aria fritta, la mamma deve essere immobile , ferma congelata nei suoi pregi e nei suoi difetti e proprio perchè è ferma e congelata, sia i pregi che i difetti saranno colossali, montagne di fiori e di merda ma tali devono rimanere perchè costituiscono la saga familiare che gioca attorno a questa madre immobile, senza voce, con un cuore che gocciola pasta al forno e sorrisi.

Niente si deve muovere.Tutto fermo.Il pensiero non esiste.

Quanti litigi, quanti ricatti e amore lacerati sono necessari per permettere a una donna di esistere fuori dai ruoli, tornare a essere se stessa?potere essere una donna in cammino e nello stesso tempo continuare a essere amata?

Il novanta per cento delle volte la donna rinuncia,non può perdere l’amore della propria famiglia, allora prende il cesto della biancheria, ci ficca dentro i propri pensieri, li nasconde per bene e lì li dimentica.

Ogni tanto se li va a vedere, si dice: ma guarda avrei proprio ragione io, ma poi li nasconde perchè non ce la fa.

Non può rinunciare a quell’amore malato che giorno dopo giorno la uccide.

Annunci

Pubblicato da

Beatricemonroy

Sono palermitana, ho vissuto in tante città, in Italia, in Francia, negli Stati Uniti, ora sto a Palermo. Mi occupo di letteratura, scrittura e narrazione. Ho un luogo minuscolo in cui raccolgo storie e conduco laboratori di scrittura e narrazione nell'antico mercato del Capo a Palermo: acCapodellestorie, via Porta Carini,70 La letteratura : - raccontare i grandi romanzi, i racconti del mito trasmettendo alla gente il piacere dei libri e delle grandi storie di cui siamo intessuti La scrittura: laboratori di scrittura e narrazione. Insegno drammaturgia alla scuola delle Arti e dei mestieri del Teatro Stabile di Palermo, diretta da Emma Dante Ho condotto laboratori di scrittura con le donne maltrattate del Centro Antiviolenza dell’Onde di Palermo. Ho collaborato con Emergency per fare narrare ai ragazzi (di Lampedusa ) i loro complicati percorsi di sopravvivenza Scrivo le mie storie, ultimi in ordine di apparizione : Per Avagliano editore, Dido, operetta pop (2015) e Oltre il vasto Oceano, candidato al Premio Strega (2014) Per la meridiana edizioni ,Niente ci fu e Ragazzo di razza incerta - ho collaborato con RaiRadio3, ultimo lavoro,Vite che non sono la tua, novembre 2014 per il teatro, ho scritto per il regista Walter Manfré tra cui "Omaggio ai corpi incorrotti delle beate", e "La Confessione-Una suora", e per il regista Gigi Borruso Sono stata per tanto tempo un'operatrice culturale e se posso lo sono ancora A Palermo ho fondato e diretto prima il centro Atelier e poi Libr'aria E ho inventato l'evento La notte dei mille racconti a cui sono particolarmente legata per lo straordinario impatto che ha avuto sulla città Ho due figli gemelli, al centro del mio cuore. Pratico Yoga da tutta la vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...